Install Theme

Your web-browser is very outdated, and as such, this website may not display properly. Please consider upgrading to a modern, faster and more secure browser. Click here to do so.

Oh,hi.

Hi. Well, nothing to say.
I think i'll just reblog stuff.
Jul 24 '14

specchiodibrame:

jewfus:

lospaziobianco:

1) The Little Mermaid pencil test by Glen Keane   via diehard-disney

2) Tangled pencil test by Glen Keane   via diehard-disney

3) Aladdin pencil test   via diehard-disney

4) Sleeping Beauty pencil test by Marc Davis   via diehard-disney

5) 101 Dalmatians pencil test   via diehard-disney

6) Xeroxes of Frank Thomas pencil animation for Pinocchio

(Via: Michael Sporn & The Illusion of Life: Disney Animation)  via the-disney-elite

7) Peter Pan pencil test by Milt Kahl   via diehard-disney

8) The Jungle Book pencil test   via diehard-disney

9) The Rescuers pencil test by Ollie Johnston   via diehard-disney

10) Alice in Wonderland pencil test by Milt Kahl   via diehard-disney

can we just take a second to appreciate that it took 100 drawing to have roger put on his fucking hat and jacket?!

Can we just remember that this kind of animation is superior to 3D one?

Jul 24 '14
jillthompson:

Ha!

jillthompson:

Ha!

(Source: modrules)

Jul 24 '14
lartespiegataaitruzzi:

Carla Accardi (Trapani, 1924 – Roma, 2014)
Integrazione lunga
1958, Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Roma
tempera alla caseina su tela, cm 64,5 x 232
-
Carla Accardi era na granne artista e pure na gran donna. Nun è detto, eh. Uno o una ponno esse granni artisti ma allo stesso tempo anche granni pezzi de merda o persone insurse, noiose, maleducate, o co idee der cazzo.
Lei è stata na femminista e na communista ma soprattutto ha sottolineato quant’è importante pe ‘n artista esse libero. E pure pe na donna, e pe ‘n essere umano, se intenne.
Ad esempio, quanno che er Partito Communista de allora (‘o so che a parecchi de voi giovani truzzi pare assurdo ma in Italia c’è stato un Partito Communista) dava direttive tipo Realismo Socialista, ossia che l’arte doveva da raffigurà ‘a vita e il lavoro dell’operai, i quartieracci daa periferia, ‘a lotta de classe, ‘e vittorie der proletariato, bè l’Accardi e l’antri compari sua dell’epoca, che se faceveno chiamà Forma 1 (no Formula Uno, Forma Uno), se ribellaveno, e j’hanno detto “Abbelli, noi semo communisti come voi, però noi semo artisti e voi no, e noi volemo fà l’arte astratta, quinni ciao core”. Come a dì che uno pò avecce n’idea politica ma nun è che pe forza ‘a deve rappresentà co ‘e figurine  e ‘e storielle: na composizione de forme e colori in libertà pò esse più rivoluzionaria daa scurtura de n’operaio e na contadina co ‘a farce e eer martello in mano e ‘o sguardo retoricamente rivorto ar futuro.
Insomma, l’artista deve esse libero: pure libero de esprime l’idee politiche sue o de denuncià na cosa che je pare sbajata, si vole, ma ‘o deve fà da artista; e si decide invece de parlà de farfalle o de amore o de gnente, ‘o pò fà, e nun è che pe questo sarà a priori più o meno bravo. E questo si me posso permette è na cosa che vale na cifra pure oggi, che ce sta gente che je piace ‘n artista no perché vale, ma perché è der partito suo o perché nun è de nessun partito o perché va aa stessa parocchia: ma ‘nartista va giudicato pe l’arte sua e no pe quello che vota o che crede o che dice nee interviste.
Ma tornamo a Carletta. Lei de cose ne ha dette e ne ha scritte, ha fatto manifesti e espresso idee precise. Però, come artista, in quasi tutta l’opera sua usa na specie de scrittura astratta, come un corsivo che nun dice parole. Somija un po’ aa scrittura araba, che si nun sai ‘a lingua pare popo un ghirigoro. E nun se scordamo che l’esseri umani hanno usato le immaggini prima ancora de inventà ‘a scrittura; e molte scritture antiche, tipo i geroglifici dell’eggiziani, o anche moderne, tipo l’ideogrammi giapponesi, usano l’immagine come segno pe na parola. Poi i fenici se sò inventati l’arfabeto che ogni lettera è sempre un’immaggine, un segno, che però corisponne a un sòno. E per cui te ne bastano na ventina invece de quarantamila, che è na granne svorta. Però er segno, si ‘o guardi solo come forma, pò esse bello senza dì né sòni né parole. E pò esse bello pure fallo, er segno, come quanno scarabbocchi in automatico mentre stai ar telefono o durante ‘a lezione de matematica. E l’Accardi fa come sti granni intrecci de finta scrittura. Certe vorte usa solo bianco e nero, come qua, antre vorte colori sgargianti che parono quelli dii graffiti pe strada, antre vorte ancora colora superfici trasparenti. E te parla cor linguaggio umano e universale daa bellezza. E dije ne no.

lartespiegataaitruzzi:

Carla Accardi (Trapani, 1924 – Roma, 2014)

Integrazione lunga

1958, Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Roma

tempera alla caseina su tela, cm 64,5 x 232

-

Carla Accardi era na granne artista e pure na gran donna. Nun è detto, eh. Uno o una ponno esse granni artisti ma allo stesso tempo anche granni pezzi de merda o persone insurse, noiose, maleducate, o co idee der cazzo.

Lei è stata na femminista e na communista ma soprattutto ha sottolineato quant’è importante pe ‘n artista esse libero. E pure pe na donna, e pe ‘n essere umano, se intenne.

Ad esempio, quanno che er Partito Communista de allora (‘o so che a parecchi de voi giovani truzzi pare assurdo ma in Italia c’è stato un Partito Communista) dava direttive tipo Realismo Socialista, ossia che l’arte doveva da raffigurà ‘a vita e il lavoro dell’operai, i quartieracci daa periferia, ‘a lotta de classe, ‘e vittorie der proletariato, bè l’Accardi e l’antri compari sua dell’epoca, che se faceveno chiamà Forma 1 (no Formula Uno, Forma Uno), se ribellaveno, e j’hanno detto “Abbelli, noi semo communisti come voi, però noi semo artisti e voi no, e noi volemo fà l’arte astratta, quinni ciao core”. Come a dì che uno pò avecce n’idea politica ma nun è che pe forza ‘a deve rappresentà co ‘e figurine  e ‘e storielle: na composizione de forme e colori in libertà pò esse più rivoluzionaria daa scurtura de n’operaio e na contadina co ‘a farce e eer martello in mano e ‘o sguardo retoricamente rivorto ar futuro.

Insomma, l’artista deve esse libero: pure libero de esprime l’idee politiche sue o de denuncià na cosa che je pare sbajata, si vole, ma ‘o deve fà da artista; e si decide invece de parlà de farfalle o de amore o de gnente, ‘o pò fà, e nun è che pe questo sarà a priori più o meno bravo. E questo si me posso permette è na cosa che vale na cifra pure oggi, che ce sta gente che je piace ‘n artista no perché vale, ma perché è der partito suo o perché nun è de nessun partito o perché va aa stessa parocchia: ma ‘nartista va giudicato pe l’arte sua e no pe quello che vota o che crede o che dice nee interviste.

Ma tornamo a Carletta. Lei de cose ne ha dette e ne ha scritte, ha fatto manifesti e espresso idee precise. Però, come artista, in quasi tutta l’opera sua usa na specie de scrittura astratta, come un corsivo che nun dice parole. Somija un po’ aa scrittura araba, che si nun sai ‘a lingua pare popo un ghirigoro. E nun se scordamo che l’esseri umani hanno usato le immaggini prima ancora de inventà ‘a scrittura; e molte scritture antiche, tipo i geroglifici dell’eggiziani, o anche moderne, tipo l’ideogrammi giapponesi, usano l’immagine come segno pe na parola. Poi i fenici se sò inventati l’arfabeto che ogni lettera è sempre un’immaggine, un segno, che però corisponne a un sòno. E per cui te ne bastano na ventina invece de quarantamila, che è na granne svorta. Però er segno, si ‘o guardi solo come forma, pò esse bello senza dì né sòni né parole. E pò esse bello pure fallo, er segno, come quanno scarabbocchi in automatico mentre stai ar telefono o durante ‘a lezione de matematica. E l’Accardi fa come sti granni intrecci de finta scrittura. Certe vorte usa solo bianco e nero, come qua, antre vorte colori sgargianti che parono quelli dii graffiti pe strada, antre vorte ancora colora superfici trasparenti. E te parla cor linguaggio umano e universale daa bellezza. E dije ne no.

Jul 18 '14

lospaziobianco:

1) Miracle Man by Gerald Parel on Tumblr

2) Harry Potter by Euclase on Tumblr

3) Mathilda by Massimo Carnevale on Tumblr

4) Buffy Summers by blakravell on Tumblr

5) Unstable Peter Bishop by syllirium on Tumblr

6) Dylan Dog by Felix Petruska

7) Sherlock Holmes by lasse17 on Tumblr

8) Hugh Dancy as Will Graham by thetuxedos on Tumblr

9) The Joker by Sam Spratt on Tumblr

10) Dr. Octopus by Kaare Andrews

Jul 18 '14

karenhurley:

Funny and creative restaurant names 

The Codfather….

Jul 18 '14
Jul 18 '14
Jul 7 '14
gorryb:

Selfie time!!!

gorryb:

Selfie time!!!

Jul 7 '14

radio-freedunmovin:

conchesumadres:

There are children on this website.

I’m about to cry.. seriously.

Jul 7 '14

lospaziobianco:

1) Orfani by Massimo Carnevale on Tumblr

2) Long Wei by Lorenzo Ceccotti aka LRNZ

3) Rat-Man by Leo Ortolani & Larry Ortolani

4) Donald Duck as Paperinik (Duck Avenger) by Gabriele Dell’Otto

5) John Doe by Davide De Cubellis

6) Gea by Luca Enoch   via

7) Dylan Dog by Gigi Cavenago

8) Diabolik by Giuseppe Palumbo

9) Don Zauker by Daniele Caluri

10) Sacro/Profano by Mirka Andolfo on Tumblr